Baer_Ioset_KORA-6
Baer_Ioset_KORA-4
Baer_Ioset_KORA-2
Baer_Ioset_KORA-8
Baer_Ioset_KORA-3
previous arrow
next arrow
 
Rapporto di osservazione

Effettivi

Svizzera

Il 28 luglio del 2005 uno studente tedesco fotografò un orso nel Parco nazionale svizzero: il primo avvistato in Svizzera da 100 anni! Dal 2005 in poi, quasi ogni anno è stata rilevata la presenza di orsi in Engadina e nella regione del Parco nazionale; finora però non vi è una popolazione residente. Nessuno degli orsi sconfinati in Svizzera vi si è insediato in modo permanente. In Svizzera si cerca per quanto possibile di identificare individualmente ogni orso avvistato utilizzando metodi di analisi genetica. Uno studio di fattibilità ha confermato che anche nel nostro Paese esistono habitat idonei. La zona compresa tra il Trentino e le Alpi Grigionesi è ininterrottamente montagnosa, boschiva e ben preservata, e forma un corridoio che collega il Parco nazionale svizzero al Parco nazionale dello Stelvio in Italia . Per questo motivo si è sempre pensato che a medio termine singoli individui provenienti da questa regione potessero giungere in Svizzera.

Alpi e Alpi Dinariche

Nelle Alpi gli orsi sono presenti con popolazioni vitali in due regioni: il Trentino (Italia), dove era rimasta una piccola popolazione residua, rafforzata tra il 1999 e il 2002 con la traslocazione di dieci orsi provenienti dalla Slovenia, e il triangolo tra Italia, Austria e Slovenia, dove immigrano orsi provenienti dalle Alpi Dinariche. Dalla popolazione delle Alpi Dinariche provengono sia gli orsi che immigrano naturalmente nelle Alpi sia quelli reintrodotti in Italia e Austria.

In Trentino nel 2019 vivevano circa 66 orsi. Tra il 2002 e il 2018 sono state censite 71 cucciolate con 144 cuccioli. Nel 2015, la dimensione della popolazione delle Alpi Dinariche è stata stimata a 2’145 individui (1’875-2’450). Nelle resto delle Alpi, nella zona compresa tra il Trentino e le Alpi Dinariche, nel 2015 vivevano circa 50-60 individui, sono stati osservati quasi esclusivamente giovani maschi in fase di dispersione.

Nel 1972 immigrò in Austria un orso proveniente dalla Jugoslavia, e tra il 1989 e il 1993 furono introdotti tre orsi nella stessa zona delle Alpi Nordoccidentali, tanto che per un breve periodo si sviluppò una piccola popolazione, che però nel 2011 si era già estinta.

Europa

Nel 2018 è stata effettuata una valutazione dello stato dell’orso bruno in Europa per la Lista Rossa delle Specie Minacciate. Secondo questa valutazione, la popolazione complessiva dell’Europa è stata stimata a 15’000-20’000 individui (Russia esclusa) o, rispettivamente, a 50’000–55’000 individui (includendo la parte europea della Russia). La tabella in appresso mostra la stima degli effettivi per le singole popolazioni.

PopolazionePaesiStima1Tendenza
ScandinaviaNOR, SWE2’825In declino
CareliaNOR, FIN1’660Stabile
BalticoEST, LVA700Stabile
CarpaziROU, SVK, POL, SRB7’630Stabile
Alpi Dinariche-PindosSVN, HRV, BIH, MNE, MKD, ALB, SRB, GRC3’950Da stabile a in crescita
AlpiITA, CHE, AUT, SVN49–69Da stabile a in crescita
Balcani orientaliBGR, GRC, SRB468–665Stabile
Appennino CentraleITA45–69Stabile
CantabriaESP321–335In crescita
PireneiESP, FRA30Stabile
1In base ai dati del 2016

Diese Seite verwendet Cookies, um die Nutzerfreundlichkeit zu verbessern. Mit der weiteren Verwendung stimmst du dem zu.