Feldarbeit_Wildkatze_Geslin_KORA-7
Feldarbeit_FZ_KORA_0000s_0013_P1080181
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-24
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-17
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-29
previous arrow
next arrow
 
Rapporto di osservazione

Cose’è il monitoraggio?

Mappa della Svizzera con i sottocomparti disegnati
Compartimenti dei grandi mammiferi carnivori della Svizzera. I numeri romani I-V designano i compartimenti principali, le lettere minuscole i corrispondenti sotto-compartimenti. © KORA GIS

Il monitoraggio è il controllo sistematico di eventi o di processi sulla base di parametri (p.es. dimensione della popolazione, condizioni dell’habitat, minacce, accettazione), che forniscono informazioni sullo stato di un sistema e su come è cambiato nel tempo. Un sistema di monitoraggio affidabile è fondato sul metodo scientifico. KORA utilizza il monitoraggio per registrare le popolazioni e la distribuzione di linci, orsi, lupi, gatti selvatici e sciacalli dorati e il loro sviluppo nel tempo. KORA monitora anche gli effetti del ritorno dei grandi mammiferi carnivori sulle loro prede selvatiche. Inoltre, la condizione genetica e la salute delle popolazioni sono monitorate in collaborazione con varie istituzioni (Istituto per la salute della fauna ittica e selvatica dell’Università di Berna FIWI, Sezione “Genetica della Conservazione” dell’Istituto di Ricerca Senckenberg, Laboratorio di biologia della conservazione dell’Università di Losanna LBC). KORA esamina anche il grado di accettazione dei grandi carnivori da parte dell’uomo.

I documenti di Strategia lince, orso e lupo svizzeri per la gestione dei grandi carnivori, stabiliscono che lo sviluppo delle popolazioni, la loro distribuzione e il loro numero siano monitorati e documentati. KORA è stata incaricata dall’Ufficio Federale dell’Ambiente (UFAM) e dall’Ufficio per l’Ambiente del Principato del Liechtenstein di utilizzare metodi scientifici per seguire lo sviluppo dei grandi carnivori in Svizzera e Liechtenstein. Per questo compito, KORA lavora a stretto contatto con le autorità cantonali di caccia, i guardiacaccia o i delegati per i grandi carnivori.

La gestione della fauna selvatica in Svizzera è essenzialmente compito dei Cantoni. Per i grandi carnivori, tuttavia, il monitoraggio cantonale ha poco senso, poiché in particolare i piccoli cantoni non costituiscono sottounità rappresentative di una grande popolazione di carnivori. La Svizzera è quindi suddivisa in cosiddetti compartimenti per il monitoraggio e la gestione dei grandi carnivori (Figura e Tabella): 5 compartimenti principali (per lupo e orso) e 16 sotto-compartimenti (per lince). All’interno dei compartimenti, KORA definisce aree di riferimento per un monitoraggio quantitativo scientificamente solido, che costituiscono una sezione rappresentativa del compartimento principale o del sotto-compartimento pertinente. Tali aree di riferimento sono utilizzate solo per il monitoraggio deterministico con l’ausilio delle trappole fotografiche per la lince.

Compartimenti dei grandi predatori della Svizzera.

Nr.RegioneCantoni/ArealiSuperficie [km²]
I Giura7’642
IaGiura sudGE, NE, VD (Giura)3’145
IbGiura nordAG, BE (Giura), BL, BS, JU, SO4’497
IISvizzera nordorientaleAI, AR, SG, SH, TG, ZH4’739
IIISvizzera centrale6’226
IIIaSvizzera centrale ovestBE (est), LU, OW (ovest), NW (ovest)2’456
IIIbSvizzera centrale centroNW, OW (est), Uri (ovest), BE (est)1’338
IIIcSvizzera centrale estGL, SG (Oberland), SZ, Uri (est), ZG2’432
IVAlpi nordoccidentali11’381
IVaSimme-SaaneBE (Alpi), FR, VD (Alpi)3’999
IVbOberland bernese est BE (Alpi)1’182
IVcRodano nordBE (Alpi), FR, VD (Alpi), VS1’542
IVdBasso Vallese sudVS2’185
IVeAlto Vallese VS2’473
VSvizzera sudorientale10’194
VaTicinoTI1’996
VbMesolcina-Ticino meridionaleGR, TI1’198
VcSurselvaGR1’957
VdGrigioni centraleGR, SG (Sarganserland meridionale), Liechtenstein2’672
VeEngadinaGR2’372

Una fototrappola è mostrata dal davanti.
Camere autoscattanti che in automatica fanno foto e / o video di animali o altri elementi che passano davanti a loro, le cosiddette trappole fotografiche, vengono utilizzate oggi in tutto il mondo per monitorare le popolazioni animali. © Fridolin Zimmermann

L’intensità e la forma del monitoraggio variano e dipendono dallo sviluppo delle rispettive popolazioni. I predatori sono elusivi e possono migrare lontano e velocemente. Inoltre, tutte le popolazioni sono ancora in una fase dinamica, che va dall’immigrazione occasionale e temporanea (orsi) a popolazioni ben stabilizzate (lince). Il monitoraggio dei predatori è quindi impegnativo. Non esiste un metodo di monitoraggio che possa essere utilizzato allo stesso modo per tutte le specie, e che risponda a tutte le domande. Pertanto, è importante scegliere i metodi appropriati per le diverse circostanze. Nella maggior parte dei casi si tratta di una combinazione di diversi approcci e metodi. Le aree di distribuzione, per lo più enormi, dei grandi mammiferi carnivori, non consentono di monitorare tutte le aree con la stessa intensità o gli stessi metodi (robusti). Pertanto, una stratificazione spaziale e temporale del monitoraggio è spesso l’unico modo per garantire un monitoraggio a lungo termine orientato agli obiettivi, praticabile ed economico. Per la Svizzera, l’obiettivo è rilevare nuovi eventi e monitorare l’evoluzione della distribuzione e dei danni causati, nonché la condizione genetica e la salute delle popolazioni. A tale scopo vengono continuamente registrate osservazioni casuali, mortalità e danni. Inoltre, viene effettuata una raccolta opportunistica di immagini di trappole fotografiche (lupo, lince e orso) e campioni genetici (lupo e orso). A livello di area di riferimento o di studio, l’obiettivo è ottenere informazioni sulla dimensione della popolazione e sui dati demografici. A causa delle limitazioni, dovute principalmente ai diversi comportamenti di lupo, lince e orso, è necessario utilizzare metodi di monitoraggio specie-specifici. Nel caso della lince, la popolazione e la densità sono stimate utilizzando il metodo fotografico di cattura-ricattura nelle aree di riferimento ogni tre o quattro anni, e nel caso del lupo, la genetica viene utilizzata in combinazione con il monitoraggio opportunistico con trappole fotografiche per stimare la dimensione dei branchi e il numero di cuccioli. L’uso di diversi metodi per la raccolta dei dati sulla popolazione consente a KORA di confrontare i risultati e aiuta nell’interpretazione dei dati.

Diese Seite verwendet Cookies, um die Nutzerfreundlichkeit zu verbessern. Mit der weiteren Verwendung stimmst du dem zu.