Feldarbeit_Wildkatze_Geslin_KORA-7
Feldarbeit_FZ_KORA_0000s_0013_P1080181
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-24
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-17
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-29
previous arrow
next arrow
 
Rapporto di osservazione

Categorie SCALP

Viene mostrata la mappa della Svizzera e delle zone limitrofe. Le prove di lince sono classificate secondo le categorie SCALP ed evidenziate con colori diversi.
Una sovrapposizione delle tre categorie SCALP si traduce in un’immagine realistica della conoscenza sulla distribuzione della lince nelle Alpi. © SCALP

La raccolta di osservazioni casuali sulla presenza di grandi predatori è un elemento importante nel monitoraggio delle popolazioni di queste specie. Osservazioni casuali forniscono informazioni sulla loro distribuzione. Molto spesso servono anche come elemento guida per individuare in quali aree e condizioni debbano essere usati metodi più sofisticati e robusti, ma di solito anche più laboriosi, per monitorare le popolazioni. L’interpretazione e l’analisi delle osservazioni casuali è tuttavia difficile, poiché non vengono raccolte secondo un modello di campione standardizzato. Un’osservazione e la sua segnalazione dipendono dalla presenza e dalla disciplina di segnalazione degli osservatori. La maggior parte di loro non sono membri formati di una rete di monitoraggio. Ciò porta a distorsioni nella distribuzione spaziale delle segnalazioni e a una riduzione della loro affidabilità. Per uniformare la modalità di raccolta di queste osservazioni casuali, è stata concordata una rappresentazione e interpretazione comune dei dati raccolti nell’ambito del monitoraggio della lince alpina. Sono stati sviluppati i cosiddetti criteri SCALP (SCALP: Status and Conservation of the Alpine Lynx Population). Questa standardizzazione consente di confrontare i dati di monitoraggio tra diversi paesi o regioni. Inoltre, le categorie SCALP rendono più facile interpretare le prove e trarre conclusioni sulla distribuzione di una specie. I dati raccolti sono classificati in tre categorie secondo la loro importanza e la loro verificabilità:

  • Categoria 1 (C1): «fatti concreti» come ad esempio linci trovate morte, osservazione di linci con prove fotografiche, cattura di (giovani) individui e prove genetiche.
  • Categoria 2 (C2): osservazioni, come una predazione (animali domestici e selvatici) oppure tracce ed escrementi, confermate da persone qualificate.
  • Categoria 3 (C3): una predazione o tracce ed escrementi non verificati da persone qualificate oppure vocalizzazioni e osservazioni dirette non verificabili.

La classificazione dei dati secondo le categorie SCALP oggi non è utilizzata solo per la lince, ma per un’ampia varietà di specie animali.

Diese Seite verwendet Cookies, um die Nutzerfreundlichkeit zu verbessern. Mit der weiteren Verwendung stimmst du dem zu.