Feldarbeit_Wildkatze_Geslin_KORA-7
Feldarbeit_FZ_KORA_0000s_0013_P1080181
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-24
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-17
Feldarbeit_Luchs_Geslin_KORA-29
previous arrow
next arrow
 
Rapporto di osservazione

Progetti conclusi

Monitoraggio per la conservazione del gatto selvatico in Svizzera 2015-2018

Gatto selvatico europeo nel Giura, 2016. © KORA

Il gatto selvatico europeo Felis silvestris è una specie protetta. I gatti selvatici sono degli elusivi abitanti delle foreste. Sono animali solitari che occupano territori fissi, le cui dimensioni variano a seconda delle risorse quali la disponibilità di cibo e la presenza di aree di rifugio, così come dalla stagione. Un tempo in Svizzera, il gatto selvatico era ampiamente diffuso nell’Altipiano e nel Giura, ma a partire dal 19° secolo la sua presenza si è limitata al Giura. Non è chiaro se nel corso del 20° secolo il gatto selvatico si sia estinto anche nel Giura o se una popolazione residua sia riuscita a sopravvivere.

Lo stato di conservazione del gatto selvatico in Svizzera è stato valutato per la prima volta nel corso degli ultimi anni e suggerisce che alcune centinaia di individui vivano principalmente nel Giura. Attualmente il gatto selvatico viene di nuovo osservato regolarmente nel Giura svizzero. Si sta espandendo nella catena del Giura e sembra ricolonizzare lentamente anche l’Altopiano. La sua precisa espansione e la sua dinamica di popolazione non sono tuttavia conosciute. Attualmente non esiste un monitoraggio affidabile e organizzato di lungo termine, e segnalazione di osservazioni dirette non sono affidabili a causa del rischio di confusione con i gatti domestici, il cui aspetto è molto simile.

Con il monitoraggio della lince effettuato con le trappole fotografiche, il Giura svizzero è ben coperto. In questo ambito sono stati rilevati anche parecchi “gatti selvatici”.

Obiettivo(i)

L’obiettivo di questo progetto pilota era lo sviluppo di un sistema di monitoraggio del gatto selvatico basato sulle trappole fotografiche in sinergia con il monitoraggio della lince, per determinare l’abbondanza di popolazione della specie nel Giura.

Metodi

Una tesi di master del 2010 ha dimostrato che anche gli esperti di gatti selvatici non sono in grado di distinguere con certezza gli animali per mezzo di fotografie. Grazie ai risultati ottenuti nel progetto pilota, è stata creata una lista di criteri fenotipici per il gatto selvatico nel Giura svizzero.

Nel corso delle azioni di monitoraggio della lince nel Giura (60 notti/inverno, 50-60 postazioni con due trappole fotografiche ognuna, su un’area di circa 600-700 km²), in una parte dell’area di riferimento sono state installate postazioni con fototrappole con una densità più elevata. Ognuno di questi siti dedicati al gatto selvatico verrà equipaggiato con due trappole fotografiche con flash bianco, oltre che con un paletto attrattivo per la raccolta di campioni di peli per le analisi genetiche. Questi paletti (pali grezzi di legno) vengono vaporizzati con valeriana per attirare i gatti selvatici. I gatti selvatici si sfregano contro questi paletti di legno, lasciando così campioni di pelo. Successivamente questi vengono utilizzati per le analisi genetiche. I gatti selvatici che sono stati identificati sulla base del fenotipo dall’immagine della trappola fotografica forniscono informazioni sulla distribuzione della specie e sulle interazioni con i gatti domestici nell’area di ricerca. Per i gatti selvatici rilevati ripetutamente e che sono stati identificati individualmente, con il metodo di cattura-ricattura è stato possibile stimare la grandezza del loro territorio invernale, l’abbondanza e la densità di popolazione.

Area di studio

Risultati e pubblicazioni

In seno a questo progetto sono stati:

  • Identificati i parametri ottimali (per es. area e numero di postazioni) per un’area di riferimento del gatto selvatico all’interno dell’area di riferimento della lince;
  • Elaborati i criteri per l’identificazione fenotipica di gatti selvatici del Giura per mezzo di immagini provenienti da trappole fotografiche;
  • Elaborati i metodi e criteri per l’identificazione individuale dei gatti selvatici;
  • Effettuate le analisi per il calcolo dell’abbondanza e della densità dei gatti selvatici.

I risultati sono stati pubblicati nel seguente rapporto:

  • Maronde L., Zimmermann F., Kunz F., Breitenmoser-Würsten C. & Breitenmoser U. 2020. Aiuto all’identificazione per distinguere tra gatti selvatici e domestici basato su immagini di fototrappole del Giura svizzero. KORA Bericht 92. KORA, Muri b. Bern, Schweiz. 17 pp. (tedesco), (francese)

Informazioni sul progetto

Il progetto pilota di monitoraggio del gatto selvatico è effettuato in concomitanza con il monitoraggio deterministico della lince nel Giura, in collaborazione con i cantoni coinvolti e i guardiacaccia locali. Il progetto è finanziato da una fondazione privata che sostiene attività di salvaguardia della natura.

Durata del progetto: 2015-2018

Area di studio: Giura, Svizzera

Contatto KORA: Fridolin Zimmermann, Florin Kunz, Lea Maronde

Il ritorno del gatto selvatico europeo (Felis silvestris)

Il gatto selvatico europeo era considerato praticamente estinto in Svizzera, ma negli ultimi tre decenni questo felino autoctono ha riconquistato il suo habitat originario nel Giura e ora sembra persino trovare habitat al di fuori di questo territorio. Nonostante la tendenza attualmente positiva, si sa molto poco sullo stato della popolazione di gatto selvatico. Questo non è solo un fenomeno svizzero: generalmente ci sono poche informazioni affidabili sullo stato di conservazione delle popolazioni di gatti selvatici europei. Uno dei motivi è che il monitoraggio degli animali elusivi e notturni, presenti a bassa densità, rappresenta una vera sfida. Un monitoraggio solido e a lungo termine è essenziale per valutare lo stato di una popolazione, per scoprire tempestivamente eventuali cambiamenti negativi e, se necessario, per essere in grado di reagire con misure.

Riassumiamo i risultati più importanti del progetto “Il ritorno del gatto selvatico europeo (Felis silvestris) – promuovere la ricolonizzazione e il monitoraggio dello sviluppo demografico in Svizzera“, durato dal 1° luglio 2017 al 30 giugno 2020.

Monitoraggio

Nella letteratura specialistica e tra gli esperti, le opinioni divergono sul fatto che sia possibile una distinzione tra gatti domestici e gatti selvatici basata esclusivamente sul fenotipo (aspetto). Come parte dello studio pilota di monitoraggio, abbiamo quindi creato prima un catalogo di criteri (DE, FR) e valutato tutte le immagini di gatti utilizzando questo catalogo. Sulle immagini raccolte in ambito del nostro monitoraggio con trappole fotografiche con flash bianco, siamo riusciti a riconoscere i gatti selvatici come tali e differenziarli dai gatti domestici con un grado di certezza elevato. Abbiamo fatto controllare geneticamente le nostre valutazioni per mezzo di campioni di peli raccolti parallelamente alle foto che sono state scattate. La conferma è arrivata quasi nel 100 % dei casi. Inoltre, siamo persino riusciti a differenziare i diversi individui in base ai loro diversi disegni del mantello, il che consente di calcolare la densità di popolazione utilizzando metodi di cattura-ricattura. Questo metodo fornisce stime particolarmente accurate. In questo modo abbiamo creato metodicamente le basi per il monitoraggio a lungo termine dei gatti selvatici in Svizzera.

Distribuzione ed espansione

Al fine di valutare la potenziale distribuzione dei gatti selvatici in Svizzera e di comprendere meglio le loro esigenze ecologiche, è stato creato un modello di habitat per i gatti selvatici come parte di una tesi di master. Questo è il primo modello di habitat per il gatto selvatico creato con dati provenienti dalla Svizzera. Il modello ha dimostrato che esiste un habitat idoneo per il gatto selvatico anche sull’Altopiano e nelle Prealpi della Svizzera, su un’area più ampia del previsto. Abbiamo quindi effettuato due sessioni di fototrappolaggio in zone con habitat idonei dell’Altopiano Centrale. Le aree di studio si trovano a Bucheggberg (Soletta / Berna) e tra Yverdon ed Epalinges (Vaud). Nel Bucheggberg c’erano solo prove aneddotiche di gatti selvatici prima di questa indagine, nell’area vodese c’erano poche prove sulla presenza di gatti selvatici. In entrambi i sondaggi, abbiamo selezionato una fitta rete di trappole fotografiche al fine di ottimizzare la probabilità di rilevamento. La presenza di gatti selvatici è stata confermata in entrambe le aree, ciascuna composta da diversi individui. L’uso delle fototrappole è stato così ulteriormente comprovato, ed è stato dimostrato che sono anche molto adatte per un primo rilievo in aree di nuova colonizzazione.

Telemetria nel «Seeland»

Un gatto selvatico con un collare trasmettitore passa davanti a un bastone da richiamo nella foresta.
Il gatto selvatico AMIRA nel Fanel con radiocollare GPS-UHF © KORA

Con i gatti selvatici muniti di radiocollare nel Seeland, siamo stati in grado di mostrare come gli stessi sfruttano il paesaggio agricolo e le aree a canneto del lago di Neuchâtel. Poco si sapeva sull’uso degli spazi aperti da parte dei gatti selvatici. Per questa parte del progetto, abbiamo marcato un totale di 10 gatti selvatici con collari GPS-UHF nel Seeland sulle rive del lago di Neuchâtel nei due anni (2018/2019), per poter seguire con precisione i loro movimenti in questo habitat. Abbiamo realizzato dettagliate mappe del territorio nelle aree frequentate dai gatti selvatici dotati di radiocollare. Le analisi hanno dimostrato che, oltre alla foresta ripariale, i gatti selvatici utilizzano anche i canneti del lago di Neuchâtel e il paesaggio agricolo del Seeland e vi si riproducono. Ulteriori analisi dovrebbero ora indicarci se l’area agricola viene utilizzata dai gatti selvatici principalmente come “habitat secondario o alternativo”, o se alcuni individui hanno scelto questo habitat come territorio di elezione e quali culture e strutture sono particolarmente apprezzate. Questa è una domanda importante in relazione all’ulteriore diffusione della specie, in quanto da un quadro completamente nuovo delle esigenze spaziali e la qualità dell’habitat del gatto selvatico.

Gatti selvatici e domestici

Un altro obiettivo di questo progetto è indagare la coesistenza di gatti selvatici e gatti domestici nel nostro paesaggio culturale densamente antropizzato. Il gatto domestico è molto più comune in questo paesaggio rispetto al gatto selvatico. I primi risultati mostrano che i gatti domestici e selvatici nel Seeland si evitano ampiamente spazialmente e, soprattutto, temporalmente. Siamo stati in grado di dimostrarlo come parte di un’altra tesi di master in cui abbiamo dotato undici gatti domestici di radiocollari GPS. Queste osservazioni sono importanti per comprendere l’ibridazione. Poco si sa sul background etologico dell’ibridazione tra gatti selvatici e gatti domestici, specialmente come e quando un gatto selvatico e un gatto domestico si accoppiano. Apparentemente questo non accade a caso, altrimenti le popolazioni sarebbero state a lungo completamente mescolate tra loro. Le indagini in altre aree, dove i gatti selvatici di nuova immigrazione incontrano i gatti domestici “rinselvatichiti”, dovrebbero ora mostrare se l’ipotesi che i gatti selvatici rimpiazzano i gatti domestici potrà essere confermata.

Pubbliche relazioni

Un gatto selvatico cammina su un pezzo di neve. Le luci di un insediamento brillano sullo sfondo.
Foto trappola immagine di un gatto selvatico, Jura 2018. © KORA

Sebbene il gatto selvatico europeo sia una specie animale protetta, e questo status è sottolineato anche dalle convenzioni internazionali di riferimento, la specie ha finora ricevuto poca attenzione pubblica o dalle autorità nazionali responsabili. Anche il networking internazionale ha svolto un ruolo importante in questo progetto. La discussione con i colleghi di tutta Europa ha mostrato la necessità di una cooperazione più stretta e meglio coordinata per la conservazione del gatto selvatico europeo. Sebbene non siano disponibili dati affidabili per molti paesi, è ovvio che lo spettro varia da “in rapido aumento” a “in forte diminuzione”.

Con il progetto siamo stati in grado di dare un contributo significativo per documentare e comprendere meglio lo sviluppo del gatto selvatico in Svizzera negli ultimi decenni. Ciò ha dato origine a una serie di nuovi quesiti che indagheremo nel 2021 nel progetto di prosecuzione “Conservazione del gatto selvatico (Felis silvestris) in Svizzera e in Europa“.

Informazioni sul progetto

Il progetto è stato finanziato da una fondazione privata che sostiene le attività di conservazione della natura, la Fondazione Temperatio e il Fondo della lotteria del Canton Soletta.

Partner di progetto

Abbiamo collaborato con i seguenti partner o istituzioni:

  • Istituto per la salute della fauna ittica e selvatica dell’Università di Berna (PD Dr. Marie-Pierre Ryser-Degiorgis e Team)
  • Autorità cantonali e guardiacaccia
  • Tierpraxis im Moos/Ins (Dr. Anna Geissbühler und Team)
  • Stefan Suter (Scuola universitaria professionale di scienze applicate, ZHAW, Zurigo)
  • Sezione “Genetica della Conservazione” dell’Istituto di Ricerca Senckenberg (Dr. Carsten Nowak und Team)

Area di studio: Giura svizzero e aree nuovamente ricolonizzate dal gatto selvatico in Svizzera

Contatto KORA: Lea Maronde

Diese Seite verwendet Cookies, um die Nutzerfreundlichkeit zu verbessern. Mit der weiteren Verwendung stimmst du dem zu.